Sicilia terra disiata

sicilia

Firriannu ntunnu a lu tempiu di n’antica matri,

ca un tempu l’antichi chiamavano Afroditi,

un vecchiu ci truvai nta lu mezzu,

ca cent’anni l’avia fattu già d’un pezzu.

 

Assittatu era ncapu na balata

a ricordu d’un omu ormai scurdatu;

di cu era sta tomba ci vosi spiari

e mi cuntò di Dedalu vinutu di lu mari.

<<Era na iurnata bona comu òi

quannu l’omini di cà, taliannu versu mari,

vittiru n’oceddu chi vulava stancu e pianu,

e chiossà s’avvicinava chiù parìa cristianu.

 

Pusannusi nterra chiancìa dispiratu

e tutti ntunnu ci spiavanu c’avia,

cuntà di so figliu anniatu a mari,

ca lu suli c’avia squagliatu l’ali.

 

Icaru si chiamava e vulava àutu,

ma cadìu comu na foglia ca firriannu cadi,

cu la so vita pagà lu prezzu a lu mari

accussi ca lu patri putia arrivari.

 

A Cocalu, suvranu di sta terra,

ci fici pena e si lu purtà a la reggia

e Dedalu pi iddu granni cosi fici,

tombi, tempi e maestosi edifici.

 

Ma lu re di Creta, di dunni avìa scappatu,

passà lu mari e cà arrivà cu tanti autri,

di Cocalu vulia narrè lu so architettu,

ma muriu squadatu sutta lu so tettu.

 

Li so cumpagni cà lu durvicaru

e lu patri di li dei lu fici iuduci di lu nfernu

e tutti chiddi chi vennu a priari ni stu tempiu,

ad Afroditi e a Minossi abbruscianu lu ncenzu.

 

Ora comu un tempu l’omini cercanu scampu di la sorti

varcannu lu mari c’ha fattu sempri tanti morti.

Hannu fami, timuri e disulazioni

e pi li loru varchi su viaggi di disperazioni.

 

Clandestini, accussì li chiamamu st’omini vinuti di lu mari,

e si lu mari li salva ad aspittalli nun ci su suvrani.

Nun sapemu aiutalli anchi si ni smovinu lu cori,

sapemu sulu raccumannalli a Diu cu li nostri paroli>>

 

Primo premio al Certamen organizzato dal Liceo Classico “T. Fazello”di Sciacca

Classe III scuola secondaria di primo grado “E. De Amicis”

Commenta con Facebook

The following two tabs change content below.
Redazione
L'urlo Cittadino (Caltabellotta nel mirino) è il Blog mensile caltabellottese. Tiene d'occhio tutto ciò che si svolge periodicamente nel centro montano: eventi, cultura, politica e quant’altro.