L’idea che forse, ma forse, co sta storia dell’invasione, poco poco, si sta esagerando, vi passa per la mente o niente proprio?

briatore

“Vengono e ci rubano il pane.”

“Quei barconi sono pieni di terroristi dell’Isis, sono ladri, puttane e spacciatori.”

“Ma lo sapete che gli immigrati incassano dallo Stato 40-50 euro al giorno? È uno scandalo, li ospitano in alberghi a cinque stelle, in camera hanno la vasca con idromassaggio e si lamentano pure…”

Queste sono le più comuni frasi che a malincuore rintuonano, in questo periodo, nelle nostre orecchie.

Dunque un tema caldo l’immigrazione in Italia, in cui l’opinione pubblica è divisa tra chi sostiene la strada dei “porti chiusi” scelta da Matteo Salvini e chi, invece, demonizza l’operato del leader del Viminale.

A schierarsi dalla parte numero uno della Lega, vi è anche uno dei volti noti della Tv: Flavio Briatore.

La scorsa settimana proprio Briatore ha postato sul profilo dei sui social, un post dove vi era raffigurata una mappa dell’Africa che mette in rilievo la grande estensione del continente, al centro compare una macchia rossa che ha gli stessi contorni dell’Italia. Appare come un qualcosa di molto piccolo, a fronte di un terreno particolarmente esteso.  In testa all’immagine c’è una frase eloquente: “Forse sarà più chiaro il motivo per cui non possiamo accoglierli tutti”.

Un messaggio schietto, chiaro e coinciso che vuol indicare una netta presa di posizione contro lo sbarco dei migranti in Italia.

Il post ha naturalmente scatenato tanti commenti, tra i tanti uno molto bello e significativo.

Noi de L’urlo Cittadino, abbiamo deciso di condividere nel Nostro Blog questo messaggio

Di seguito il commento di Emilio Mola:   briatore

《 Allora, gentile Flavio Briatore:

in Italia ci sono 60 milioni di persone.
Gli stranieri sono 5 milioni, cioè l’8,5% (in Spagna sono il 10%, in Germania il 9%, nel Regno Unito l’8%).
Non sono il 30%. Sono l’8,5%.
Quindi il 91,5% della popolazione che risiede in Italia, è italiana.

Uno dice: “Ah, pensavo di più. Mi avevano parlato di invasione, di emergenza. Comunque dai non sono nemmeno pochi 5 milioni di negr..” no aspé.

Aspé perché di questi 5 milioni di stranieri la metà, il 50%, viene dal continente europeo: Germania, Francia, Inghilterra, Spagna, Svizzera, Romania, Ucraina, Albania, Bulgaria, Polonia, Russia, Austria, Belgio, ecc.

Uno allora dice: “Ah. Col fatto che sono bianchi non me ne ero proprio accorto. Quindi gli africani sono 2 milioni e mezzo? Beh sono molti di meno di quanto mi avevano fatto capire Salvini e Rete4. Però dai è sempre fastidios…” no aspé.

Aspè perché da questi 2,5 milioni di stranieri che restano dobbiamo toglierne altri 600mila, tra americani e cinesi.

Restano quindi 2 milioni di stranieri che arrivano da Africa, Medio Oriente, India, Pakistan, Filippine, ecc. Quelli che insomma, nell’immaginario collettivo (e in gran parte nella realtà), sono arrivati o arrivano tutti coi barconi. E hanno quelle antiestetiche sfumature di nero.

Ecco loro sono il 4% della popolazione che attualmente si trova in Italia. E gli africani del suo disegnino?
Loro sono 1 milione e 96mila. Cioè la metà. Cioè il 2% della popolazione residente in Italia.

E i richiedenti asilo? Quelli sono 126mila. In Francia 90mila. In Germania 196mila. In Turchia 2,5 milioni. In Pakistan 1,6 milioni. In Libano 1 milione. Ecc.

Ora: assodato che la popolazione africana è in realtà appena un quinto di tutta la popolazione straniera presente in Italia. Ed è appena un cazzo di 2% di tutta la popolazione presente in Italia. Assodato che 2% non sembra in fondo tutta questa enormità.

Ci spiegherebbe il significato di quel disegnino? Sarà che vuole lasciar intendere che tutto il Continente Africano in Italia non ci sta, anche se qualcuno (magari i buonisti) lo vorrebbe tanto?

Se sì, ci spiega da dove le risulta che tutto il continente africano è in partenza per l’Italia? Deserti, giungle e savane inclusi, con i coccodrilli ed un orango tanto, due piccoli serpenti e l’aquila reale, visto che ci sono – a titolo di esempio – 20 Stati africani che hanno in Italia meno di 600 persone ciascuno (dai 600 del Sud Africa agli 11 del Botswana), e che quindi non sembrano proprio così tanto intenzionati a invaderci, anche se lei li ha inclusi nel suo disegnino?

Ora, assodato tutto questo: l’idea che forse, ma forse, co sta storia dell’invasione, poco poco, si sta esagerando, vi passa per la mente o niente proprio?
Potremmo iniziare a occuparci anche dei 150 miliardi che fattura la mafia? O dei 120 miliardi di evasione fiscale? O della corruzione? O di tutti quegli altri cazzi tutti nostri che rimarranno anche quando l’ultimo africano sarà andato via?
No eh?

“Sei fuori” (cit.)》

Commenta con Facebook

The following two tabs change content below.
Davide Parlapiano

Davide Parlapiano

Inventore e direttore del Blog "L'urlo Cittadino". Nato a Palermo nel 1994. Attualmente Consulente FinTech presso PwC Italy e studente III°Anno in Computer Science Engineering, presso SUPINFO INTERNATIONAL UNIVERSITY Trapani Campus.