Incontro con l’autore: Angelo Campanella ospite degli alunni della scuola secondaria

scuola 3

scuola1Benvenuti su “ #dallascuola “ la nostra nuova rubrica, curata da noi alunni della scuola secondaria di primo grado di Caltabellotta. Siamo entusiasti di questa iniziativa e con gli articoli e le foto, che pubblicheremo, vi terremo informati sul mondo della scuola, sulle iniziative, le attività e i progetti che con la guida dei nostri insegnanti portiamo avanti. Non ci resta che augurarvi: buona lettura…

 

Incontro con l’autore

Angelo Campanella ospite degli alunni della scuola secondaria

scuola 3Noi alunni dell’istituto comprensivo A.G. Roncalli di Caltabellotta abbiamo avuto il piacere di incontrare il prof. Angelo Campanella, autore del libro “Come gabbiani sull’acqua”.
All’ncontro era presente anche il nostro Dirigente scolastico, prof.re Vito Ferrantelli, il quale, dopo una breve presentazione, ha invitato gli alunni, che avevano letto in precedenza il libro, a dialogare con l’autore.

Il tema portante dell’incontro – dibattito è stato l’immigrazione di “massa” dall’ Africa verso l’Europa. In Eritrea, luogo da cui proveniva il barcone naufragato descritto nel libro, la gente è costretta a vivere miseramente. I ragazzi, in particolare, devono interrompere gli studi per iniziare la leva militare obbligatoria, che dura per molto tempo e li priva spesso della possibilità di “farsi una vita”, di sposarsi, di avere una famiglia. A questi ragazzi è negato dunque uno dei diritti fondamentali dell’uomo: la Libertà.

In altre parole, le persone vivono come prigioniere in uno Stato, che, pur essendo una repubblica, è governato da un solo partito e impiega tutte le proprie risorse in guerre civili. Quindi, molti sono costretti ad abbandonare il proprio paese natio e a tentare di raggiungere uno stato europeo, affrontando un lungo e duro viaggio, per sperare di vivere un futuro migliore.

scuola 2Tale viaggio consiste nell’attraversare l’arido e secco deserto del Sahara per arrivare alle coste libiche o tunisine, dove inizierà un’altra “avventura”: la traversata del “mare della speranza”, ovvero del mar Mediterraneo all’interno di logori e consumati barconi, i quali, nella maggior parte dei casi, sono guidati da gente inesperta, irresponsabile ed incosciente: gli scafisti.

Se fortunati, i migranti arrivano sull’isola di Lampedusa, porta d’ingresso dell’Europa, dove vengono soccorsi ed aiutati.

Al tema principale dell’immigrazione nel libro si affianca la storia di due ragazze, una storia tormentata da liti e riappacificazioni che termina con la “vittoria” dell’amicizia, che, come sempre, trionfa su tutto.

Il problema ‘immigrazione’ è un tema molto delicato, che ci è stato spiegato dall’autore in modo molto convincente, efficace e soddisfacente, anche attraverso le risposte alle diverse domande poste da noi ragazzi.

Insieme all’autore abbiamo riflettuto sul fatto che gli immigrati sono spesso visti come “problemi” piuttosto che come esseri umani e nei loro confronti c’è molta diffidenza. scuola 5A molti di noi “Il diverso” fa paura: abbiamo timore di chi non ha il nostro stesso colore della pelle, ma questo timore, spesso, è frutto di pregiudizi che non ci fanno guardare in faccia la realtà, che alterano il senso dei nostri pensieri e che ci portano a dire e a fare cose sbagliate, che a volte feriscono molte persone.

Non dobbiamo dimenticare che il tema dell’immigrazione è un fenomeno collettivo che riguarda, tutte le nazioni, tutte le nostre città, tutti noi; un fenomeno che può diventare un grave problema sociale, politico, giuridico se non ci rendiamo conto che l’incontro con persone che portano con sé culture, religioni, modi di vivere e abitudini differenti non è altro che un’occasione di crescita e arricchimento culturale.

E del resto le immigrazioni, al giorno d’oggi, dovrebbero essere sentite come un fatto naturale, dal momento che viviamo nell’era della globalizzazione.

Articolo redatto da: Simona Vaccaro

Commenta con Facebook

The following two tabs change content below.
Redazione
L'urlo Cittadino (Caltabellotta nel mirino) è il Blog mensile caltabellottese. Tiene d'occhio tutto ciò che si svolge periodicamente nel centro montano: eventi, cultura, politica e quant’altro.