Caltabellotta dopo l’alluvione. Iniziano i primi lavori di ripristino

WhatsApp Image 2016-12-07 at 10.56.27

Sono trascorse quasi due settimane da quel 25 novembre 2016, quando Caltabellotta è stata colpita in pieno da una bomba d’acqua, che l’ha messa in ginocchio per i danni subìti.
Il piccolo paesino montano è stato l’epicentro del nubifragio, infatti sono caduti 180 ml di acqua rovesciatesi nel centro abitato e in campagna. La stima dei danneggiamenti è drammatica.
WhatsApp Image 2016-12-07 at 10.56.25Si calcolano almeno 5 milioni di euro per le zone urbane e 10 milioni per la viabilità esterna. Si sono verificate frane e smottamenti, i danni maggiori si registrano nella zona  “Giulio Bonfiglio” cioè a pochi metri della chiesa di Sant’Agostino, in cui è crollato un pezzo di costone dal monte “Gogala” che ha causato lo sfollamento di 17 famiglie dalle proprie case e diviso in due il paese.  Il sindaco, Paolo Segreto ha assicurato che i lavori, eseguiti dalla Protezione Civile saranno completati al più presto, per consentire ad una quarantina di persone di tornare nelle proprie case.
L’Assessore all’Agricoltura, Giuseppe Zito ha dichiarato: “I primi interventi che stiamo cominciando a fare sono quelli di sfangare e liberare le arterie principali e maggiormente quelle di campagna perche c’è una situazione tragica. Ci siamo attivati il 25 sera con i mezzi meccanici a iniziare i primi interventi. Ad oggi possiamo dire che le vie principali sono tutte libere. Il problema maggiore riguarda il costone franato perché non sappiamo i movimenti che farà. Abbiamo avuto molti incontri con la Protezione civile, è anche venuto sabato mattina l’Assessore Maurizio Croce a prendere visione della situazione e ci hanno rassicurati”.
Continua ancora Zito: “Domani inizieranno i lavori per ripristinare la viabilità della strada Caltabellotta – Sciacca che è stata chiusa per una frana, e che per arrivare nella cittadina bisogna deviare per la frazione di Sant’Anna. L’Amministrazione comunale come somma urgente per i primi interventi ha stanziato 35 mila euro con una variazione di bilancio fatta giorno 30 novembre. Siamo stati inseriti nello stato di calamità. Tutte le Istituzioni ci hanno rassicurati”.
L’assessore ha affermato che entro Natale le famiglie evacuate potranno tornare nelle loro case e che il collegamento Caltabellotta – Sciacca sarà finalmente ripristinato.

Sì ringrazia la popolazione caltabellottese per le foto fornite

Commenta con Facebook

The following two tabs change content below.
Francesca Cottone

Francesca Cottone

Nata a Palermo nel 1983. Nel 2012 ha frequentato un master in giornalismo, presso l’Istituto Superiore di Giornalismo a Palermo. Ha collaborato per diverse testate online: Palermomania.it, AgrigentoOggi. Attualmente collabora con Giornale Cittadino Press.