Associazione socio culturale Peregrinus

PHOTO-2018-05-24-16-38-04

Il Comune di Caltabellotta, ha la fortuna, fra le tante, di ospitare un massiccio edificio, sito nella parte più alta dell’omonimo monte,  quale l’eremo di San Pellegrino. Peccato che però, negli anni, questo sia stato dimenticato e abbandonato a sé stesso. Nel 2000 sono stati effettuati lavori di ristrutturazione, peccato che poco dopo, questo sia stato nuovamente chiuso e dimenticato.

Accumunati da un forte spirito patriottico e un forte orgoglio Caltabellottese, un gruppo di giovani amici ha deciso di fondare l’associazione “Peregrinus”, nome non scelto a caso, proprio perché Peregrinus è stato il primo vescovo di Triokola

Di seguito le parole di Mario Abbruzzo, uno dei fondatori dell’associazione, che ci racconta da cosa nasce questo progetto, e quali sono le idee per il futuro.

“L’idea “Peregrinus” nasce esattamente sul sagrato della chiesa di San Pellegrino nell’estate del 2015, e prende corpo grazie alla volontà e all’intraprendenza di un gruppo di giovani impegnato da sempre in un’intensa opera di volontariato. Il luogo di nascita ne ha inspirato l’attività, gli obiettivi e ha dato il nome al progetto prima e, all’associazione, dopo. Il primissimo obiettivo era quello, e lo è ancora oggi, di far rivivere l’Eremo di San Pellegrino, di restituirlo, nella sua bellezza e austerità, ai cittadini caltabellottesi e ai turisti vogliosi di visitarlo. Dalla maestosità dell’Eremo l’attenzione si è catalizzata su tutto il paese di Caltabellotta, contenitore di inestimabili beni di carattere monumentali, ecclesiale, storico, artistico, non trascurando inoltre il ricco patrimonio immateriale fatto di rappresentazioni, tradizioni ed espressioni orali, consuetudini sociali, usi, costumi, pratiche religiose e naturali.PHOTO-2018-05-24-16-36-03 Da lì, grazie all’importante contributo di don Giuseppe Marciante, si è intrapresa una proficua interlocuzione con la Curia arcivescovile di Agrigento, con cui si è stretta la collaborazione dalla quale nasce il Percorso Arte&Fede di Caltabellotta. Dopo l’apertura straordinaria dell’Eremo nell’agosto del 2016 e dopo l’apertura prova della Cattedrale nel settembre dello scorso anno, nonostante le insidie e i rallentamenti, gli interminabili lavori, oggi finalmente, anche se non nella sua interezza, il Percorso è attivo dal mese di Aprile del 2018.  L’Associazione “Peregrinus” intende   promuovere, valorizzare e far fruire il patrimonio culturale ecclesiastico della città di Caltabellotta, diversificando le esperienze e i percorsi, ma anche incrementando i servizi offerti al visitatore. La principale prerogativa è quella di accogliere il visitatore e di guidarlo alla scoperta della magnifica e austera Cattedrale di Caltabellotta, della sua parte musealizzata, della rinnovata ex-chiesa del Ss. Salvatore, di uno dei principali esempi di chiesa rupestre sul territorio quale la Chiesa della Pietà e dell’imponente edificio conventuale con l’annesso santuario dedicato a San Pellegrino.  Purtroppo  due delle suddette strutture sono ancora oggetto di interventi di ripristino, di restauro e di sistemazione delle aree attigue, pertanto, l’associazione è pronta a renderli accoglienti e visitabili  non appena i lavori saranno ultimati. Gli instancabili volontari sono impegnati nell’accoglienza e nella guida dei gruppi all’interno dei diversi edifici religiosi e monumentali comprendenti nel percorso Arte e Fede, fornendo adeguate informazioni, nelle diverse lingue e con l’ausilio di dispositivi digitali, sui diversi elementi architettonici riscontrabili e sulle innumerevoli opere d’arte esposte. Periodicamente l’associazione, inoltre, si prodiga alla sistemazione di mostre periodiche di oggetti sacri, paramenti ecclesiastici di inestimabile valore ed importanza per l’autenticità e l’abilità della manifattura. “Ammirare sì, ma con contezza e coscienza critica, unendo arte, fede e mistero” è la missione dell’Associazione che ben si concilia con l’esigenza ultima di soddisfare appieno tutti coloro che visitano la città. Ovviamente questo progetto non sarebbe nato e non avrebbe avuto seguito se non ci fosse stato innanzitutto il contributo e l’impegno di decine di volontari, e se non ci fosse stato il supporto di Don Giuseppe Marciante allora parroco di Caltabellotta nella fase iniziale, di Don Giuseppe Pontillo direttore dell’Ufficio Diocesano BB.CC.EE per il contributo in termini di idee e   per la fiducia concessa e infine dell’instancabile don Antonio Corda, parroco odierno di Caltabellotta, che ha sposato fin da subito il progetto, arricchendolo di nuove idee e di nuove prospettive.

Il servizio di apertura e accoglienza del turista di “Peregrinus” è attivo tutti i giorni della settimana, compreso i festivi, dalle 10,00 alle 13,30 del mattino e dalle 15,30 alle 19,00 del pomeriggio.

“Peregrinus” è aperta a rapporti di collaborazione e cooperazione con le altre associazioni e operatori del settore, ritenendo che “fare sistema” sia l’unico modo per rilanciare il nostro territorio e promuoverlo dal punto di vista turistico.”

Merito e lode a questi ragazzi che stanno impegnando il proprio tempo per il bene di Caltabellotta, con l’augurio che le tante idee e i progetti da loro in cantiere possano trovare piena realizzazione.

Commenta con Facebook

The following two tabs change content below.
Serena Barbiera

Serena Barbiera

Nata a Sciacca l’8 dicembre 1992. Attualmente studia economia e finanza presso l’Università degli studi di Palermo.
Serena Barbiera

Ultimi post di Serena Barbiera (vedi tutti)